abbazia benedettina di finalpia

Finale Ligure (SV) | Fondata con Bolla del Papa Sisto IV
del 21 settembre 1476

Scopri l’Abbazia

L’Abbazia di Finalpia fu fondata dai monaci Olivetani (i cosiddetti Benedettini bianchi) alla fine del 1400.

La fondazione fu ratificata dal Papa (Sisto IV) con una bolla del 21 settembre del 1476 e, nel 1905, l’Abbazia passò stabilmente alla Congregazione Benedettina Sublacense (una delle Famiglie dell’Ordine Benedettino).

Fin dal loro arrivo, i monaci si sono dedicati all’assistenza spirituale dei parrocchiani e dei pellegrini che numerosi sono sempre accorsi all’annesso Santuario della Madonna Pia.

La vita del Monaco Benedettino

Ora

Un viaggio attraverso l’Abbazia, la Chiesa e la Cappella monastica.

Labora

Scopri l’apiario, la biblioteca e le altre attività del nostro Monastero Benedettino.

Ospitalità

Trascorri un periodo di meditazione e contatto con Dio nella nostra Comunità.

Scopri la Parrocchia

L’origine del Santuario di Maria Pia è probabilmente da collocare in sintonia con quanto avveniva alla fine del primo millennio per i castra di Perti e di Orco, che includevano quasi obbligatoriamente al loro interno anche un piccolo edificio sacro.

Ciò sarebbe in pieno accordo con la rinascita sociale, urbanistica e religiosa verificatasi anche in Liguria attorno al Mille con la cessazione delle incursioni saraceniche dell’alto Medio Evo.

Quale fosse la consistenza di questo ipotetico primo santuario mariano, non è dato di immaginarlo.

Erboristeria Benedettina “Il Convento

Prega e Lavora” è il celebre motto benedettino che trova nei monaci apicoltori dell’Abbazia Benedettina di Santa Maria una mirabile espressione. La Comunità Monastica di Finalpia, dal 1930 attiva nella cura delle api, sente di vivere un particolare aspetto dello spirito di San Benedetto, che ha ricondotto l’uomo verso la natura: essa è un mezzo non solo per ricavarne un sostentamento, ma anche per scoprire Dio.

I benedettini, attraverso un’esperienza ultracinquantenaria, hanno accumulato una profonda conoscenza a proposito della vita delle api, dei prodotti apistici e dei loro benefici. Dal miele alla propoli, dal polline alla cera, dalla pappa reale alle punture delle api: tutto ciò serve ad aiutare a debellare alcune malattie insidianti la vita dell’uomo.

Fu nei lontani anni ’30 (il monastero benedettino, allora, esisteva già da più di quattrocento anni) che fra’ Benedetto decise di produrre un po’ di miele per le necessità del convento. Più di settant’anni sono passati da allora e il miele dell’abbazia è apprezzatissimo da un’ampia fascia di estimatori. Così è nata la cooperativa che raduna produttori liguri e piemontesi, il cui presidente è padre Giovanni Amani.

"Il Monachesimo può sembrare un fenomeno d’altri tempi. Eppure i Monaci – pur conducendo una vita riservata – esistono anche oggi. Chi sente il richiamo della Voce che risuona nel Silenzio del cuore , sa dove trovarli."

"Nella preghiera noi varchiamo la soglia del Giardino ed è lì, che possiamo incontrare Dio, che ci sta cercando. Lì incontriamo la Persona che è la stessa Bellezza per la quale siamo stati fatti."

"La presenza di Dio in un luogo non deriva dai colori, dalle immagini o dalla musica – ma dall'impegno di Dio stesso di esserci. La possibilità di captarlo e d’incontrarci con Lui, sorge dalla nostra fede."

Contatti

Tel: 019 60 2301

Dove siamo

Via Santuario, 59
17024 - Finale Ligure (SV)

***/ Traduzione modulo galleria ***/